Skip to content Skip to left sidebar Skip to footer

Agevolazioni IMU per abitazioni concesse in uso gratuito a parenti

1) Riduzione della base imponibile

Per le abitazioni concesse in uso gratuito (comodato) a parenti in linea retta entro il primo grado è prevista la riduzione del 50% della base imponibile con le seguenti condizioni:

  • l’abitazione concessa in comodato non deve essere di categoria catastale A/1, A/8 o A/9;
  • il comodatario deve essere un parente in linea retta di primo grado (genitore/figlio o viceversa);
  • il comodatario deve utilizzare la casa come abitazione principale;
  • il contratto di comodato deve essere registrato;
  • il comodante deve possedere una sola abitazione in Italia e risiedere anagraficamente nonché dimorare abitualmente nello stesso comune in cui e’ situato l’immobile concesso in comodato; il beneficio si applica anche nel caso in cui il comodante oltre all’immobile concesso in comodato possieda nello stesso comune un altro immobile adibito a propria abitazione principale, ad eccezione delle unita’ abitative classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9;
  • il possesso dei requisiti di cui sopra deve essere attestato con dichiarazione IMU.

In caso di morte del comodatario e in presenza di figli minori il beneficio si estende al coniuge del comodatario stesso.

Per le abitazioni concesse in comodato gratuito a parenti per le quali non si realizzano tutte le condizioni di cui sopra, l’imposta si calcola sull’intera base imponibile applicando l’aliquota corrispondente (vedere sotto).

2) Aliquota IMU ridotta

Per le abitazioni e relative pertinenze concesse in uso gratuito a parenti fino al secondo grado in linea retta o collaterale (comprese quelle di primo grado che hanno diritto alla riduzione della base imponibile di cui sopra) è prevista l’aliquota IMU ridotta dello 0,66 per cento (6,6 per mille) alle seguenti condizioni:

  • dimora abituale e residenza anagrafica nell’abitazione da parte del parente che usufruisce dell’uso gratuito e del suo nucleo familiare;
  • intestazione al parente delle utenze dei pubblici servizi (smaltimento rifiuti, acqua, energia elettrica, gas, telefono) relative all’abitazione concessa in uso gratuito, escluse le utenze relative a più unità immobiliari o condominiali;
  • presentazione all’Ufficio Tributi di una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà attestante la concessione in uso gratuito dell’alloggio al parente.

La riduzione della base imponbile e l’aliquota ridotta possono essere applicate entrambe, purché sussistano tutti i requisiti previsti per ognuna delle casistiche, oppure solo per una o l’altra, secondo i requisiti presenti.

Nel caso non si realizzino le condizioni per la riduzione della base imponibile e neppure quelle per l’aliquota IMU ridotta, si dovrà prendere in considerazione l’intera base imponibile ed applicare l’aliquota dell’1,06 % (10,6 per mille).