Skip to content Skip to left sidebar Skip to footer

27 gennaio 2022 – Giorno della Memoria

Purtroppo, come già lo scorso anno, anche  il 2022 è fortemente segnato dalla situazione sanitaria e le cerimonie pubbliche sono ridotte all’essenziale, ma ciò nonostante sul nostro territorio non mancano occasioni per ricordare. Prime fra tutte le “nostre” pietre d’inciampo, tangibili monumenti di memoria diffusa.

Con l’occasione, divulghiamo il programma delle iniziative (molte in modalità on line) che la Casa della Memoria di Brescia ha racchiuso in questo pieghevole

Le guerre negano la memoria dissuadendoci dall’indagare sulle loro radici, finché non si è spenta la voce di chi può raccontarle. Allora ritornano, con un altro nome e un altro volto, a distruggere quel poco che avevano risparmiato.” (da “L’ombra del vento” di Carlos Ruiz Zafón)

Il Sindaco – Andrea Cipani

Il 27 gennaio ricorre la Giornata della Memoria, commemorazione internazionale delle vittime dell’Olocausto e di chi ha sacrificato la propria vita per proteggere gli innocenti perseguitati. Amministratori e funzionari, impossibilitati nell’organizzare un’occasione comunitaria di condivisione, onde evitare assembramenti, hanno deciso di lasciare ugualmente un segno sui propri canali web e social. Condividiamo la toccante e celebre poesia di Pavel Friedman dal titolo “La farfalla”, a cui abbiniamo l’illustrazione che Mauro Biani, ispirandosi a questo componimento scritto dal poeta poco più che maggiorenne nel campo di Terezìn, ha dedicato alla Senatrice a vita Liliana Segre, testimone vivente della cattiveria dell’uomo. Chi meglio di lei può suggerirci l’insegnamento da estrapolare dalle pagine più buie della storia recente. Pertanto, riportiamo uno stralcio del suo storico discorso pronunciato all’Europarlamento, in occasione dei 75 anni dalla liberazione del campo di concentramento di Auschwitz, luogo dove lo stesso Pavel esalò l’ultimo respiro:

<<Vi dico: siate la farfalla gialla che vola sul filo spinato, questo è il semplicissimo messaggio che, da nonna, vorrei lasciare a tutti i miei nipoti ideali: siate in grado di fare la scelta giusta,  con la vostra responsabilità e coscienza. Cercate di essere sempre quella farfalla che vola sopra i fili spinati>>.

Le pietre di inciampo, cicatrici del passato sul nostro territorio, sono state lucidate in memoria dei concittadini deportati, i fiori posati: la Città di Gardone Riviera, accompagnata dalle parole di Pavel Friedman e Liliana Segre, partecipa così al momento del ricordo.

Fabiano Mauri – Consigliere Comunale delegato alla Cultura