L’Amministrazione comunale ha confermato per l’anno 2019 le aliquote IMU e TASI già in vigore per l’anno 2018.

Qui il quadro riassuntivo delle aliquote deliberate e alcune istruzioni per la determinazione e il pagamento del dovuto.

Qui la deliberazione per le aliquote IMU (si tratta delle aliquote 2018 che, non essendo state modificate, vengono automaticamente confermate per il 2019) e qui la deliberazione per le aliquote TASI (per la TASI è necessaria una nuova deliberazione).

L’IMU e la TASI si pagano in 2 rate con le seguenti scadenze:

  • acconto: entro il 17 giugno (il 16 giugno è domenica)
  • saldo: entro il 16 dicembre

E’ possibile pagare in unica soluzione entro la scadenza dell’acconto.

Da tener presente

Calcolo IMU e TASI online

Attenzione: il software non è ancora stato attivato per il calcolo IMU e TASI 2018.

Qui è disponibile un programma per il calcolo online dell’IMU e della TASI. Leggere attentamente le avvertenze.

Invio comunicazioni e modelli di pagamento

A tutti i contribuenti sarà inviata una comunicazione con le aliquote e detrazioni e i modelli F24 per il pagamento.
Inoltre, ai contribuenti che presentano posizioni tributarie che non necessitano di particolari approfondimenti (come, ad esempio, l’applicazione di aliquote agevolate, riduzioni particolari, ecc.), sarà inviato un prospetto con il dettaglio degli importi dovuti e i modelli F24 già pre-compilati per il pagamento dell’acconto di giugno e del saldo di dicembre.
La comunicazione dei dati di cui sopra non esenta dall’obbligo di presentazione della dichiarazione IMU e/o TASI nei casi in cui è dovuta.  Qualora si rilevasse in seguito una situazione immobiliare diversa da quella risultante dai dati ad oggi disponibili, il Comune, indipendentemente dai dati e dagli importi comunicati, procederà all’accertamento a norma di legge.

Mod. F24 da compilare e stampare – senza calcolo

Se non avete ricevuto il modello già pre-compilato dal Comune ma avete già tutti i dati necessari e non vi serve il programma di calcolo, potete scaricare il mod. F24 salvandone una copia sul PC per poi compilarlo e stamparlo.

Importo minimo

Non sono dovuti versamenti per importi inferiori a 5 euro per l’intero anno. L’imposta eventualmente non versata in acconto in quanto inferiore a tale limite dovrà essere riportata in aggiunta al saldo di dicembre.

F24 superiore a 1.000 euro

La legge di conversione del decreto fiscale collegato alla legge di Stabilità 2017 (Dl 193/2016), all’articolo 7-quater, comma 31, ha soppresso l’obbligo dell’F24 telematico per i pagamenti superiori a 1.000 euro da parte delle persone fisiche, senza partita Iva, contenuto nell’articolo 11, comma 2, lettera c, Dl 66/2014.

Di conseguenza, si torna a poter utilizzare il mod. F24 cartaceo per qualunque importo, anche superiore ai mille euro.

Regolamento comunale IUC

L’IMU e la TASI, insieme alla TARI (tassa sui rifiuti), fanno parte della IUC, imposta comunale unica (che, in realtà, unica non è).

La IUC è disciplinata da uno specifico regolamento comunale IUC che, ai titoli II e III, detta le regole di applicazione dell’IMU e della TASI.