Skip to content Skip to left sidebar Skip to footer

Author: Simona Grisi

News – ultimissime

sempre in primo piano – HAI BISOGNO DEGLI UFFICI COMUNALI ? CONTATTALI TELEFONICAMENTE, PER LA TUA SICUREZZA PRENDI APPUNTAMENTO : LEGGI TUTTE LE INFO

Contributi regionali PROTEZIONE FAMIGLIA – scopri tutte le info

RIATTIVATA REPERIBILITA’ STATO CIVILE PER I DECESSI – SABATO E DOMENICA E FESTIVI FINO AL 16 MAGGIO P.V. DALLE ORE 8.00 ALLE ORE 11.00 – CELL. 339 2922311

MISURE B2 DI SOSTEGNO : MINORI CON DISABILITA’PROGETTI VITA INDIPENDENTE PERSONE CON DISABILITA’BUONO SOCIALE PERSONE CON DISABILITA’ GRAVE O NON AUTOSUFFICIENTI

NOVITA’ AGGIORNATO: VACCINAZIONE COVID-19 FASCIA 70 – 79 ANNI – TUTTE LE MODALITA’

VACCINAZIONE PERSONE ESTREMAMENTE VULNERABILI

AGGIORNAMENTO CAMPAGNA VACCINALE COVID – 19 ULTRAOTTANTENNI — Si informa che la campagna vaccinale per le persone over 80 è già iniziata. Per chi ha aderito riceverà una chiamata o un sms al numero inserito nella prenotazione. Si precisa che dal 31 marzo 2021 l’Ufficio Servizi Sociali ha provveduto a chiamare le 95 persone in elenco.

Nuovi bandi emessi : Bando emergenza Covid-19 sostegno alle famiglie e Bando assegnazione alloggi abitativi pubblici

sempre in primo piano – Scarica l’autocertificazione necessaria per gli spostamenti LEGGI LE FAQ pubblicate dal Governo

La conversione in legge del DL 125/2020 sulla proroga dell’emergenza sanitaria posticipa al 30 aprile 2021 il termine di validità dei documenti di riconoscimento e di identità con scadenza dal 31 gennaio 2020 (data della dichiarazione dello stato di emergenza da Covid-19). Resta ferma, invece, la data di scadenza indicata nel documento ai fini dell’espatrio.

Sempre attivo il servizio della Biblioteca Comunale, nel rispetto delle misure di contenimento dell’emergenza epidemica.

19 novembre – Covid 19 numero verde regionale Lombardia : 800 894 545

5 novembre – Chiarimenti sul domicilio nell’emergenza Covid – Di fatto il “domicilio” (art. 43 C.C.) –  [o i domicilii , perché al contrario della residenza è possibile “averne” più d’uno, basti pensare ad esempio al domicilio presso il commercialista od un legale ] –  è un istituto amministrativo   irrilevante per l’ufficiale d’anagrafe, privo di qualsiasi registrazione; non essendo un elemento che viene appunto registrato in anagrafe, non è dunque certificabile, né sono previsti accertamenti per verificarlo. E’ una dichiarazione di natura privatistica (autocertificabile dall’interessato) che può essere fatta valere tra le parti interessate.

In primo piano – Linee guida per la celebrazione di matrimoni civili nell’emergenza Covid

Visualizza l’elenco aziende per attività di sanificazione aziende e privati

Leggi le RACCOMANDAZIONI PER LE PERSONE IN ISOLAMENTO E I LORO FAMILIARI E LE INDICAZIONI DI IGIENE PER GLI AMBIENTI CHIUSI

Identità digitale: come accedere ai servizi online della Pubblica Amministrazione tramite SPID, CIE, CNS

Dal 28 febbraio 2021 per accedere ai servizi online offerti dalle Pubbliche Amministrazioni sarà necessario utilizzare una (o più) delle seguenti modalità:
– SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale),
– CIE (Carta di Identità Elettronica),
– CNS (Carta Nazionale dei Servizi).

SPID : come richiederlo (non lo rilascia il Comune)

CARTA D’IDENTITA’ ELETTRONICA (CIE) : La NUOVA carta di identità elettronica (vedi immagine sottostante) permette al cittadino l’autenticazione con i massimi livelli di sicurezza nei servizi online degli enti che ne consentono l’utilizzo, Pubbliche Amministrazioni e soggetti privati.
La Carta di identità elettronica permette al cittadino l’autenticazione con i massimi livelli di sicurezza nei servizi online degli enti che ne consentono l’utilizzo, Pubbliche Amministrazioni e soggetti privati. I cittadini che sono in possesso ancora della carta d’identità cartacea o elettronica del modello precedente (di colore blu) possono richiedere – previo appuntamento all’Ufficio Anagrafe (tel. 0365 294610) – di ottenere questo nuovo documento d’identità.

Assieme alla CIE il cittadino riceve due codici di sicurezza, il PIN e il PUK. Tali codici vengono forniti in due parti, la prima delle quali è contenuta sempre nell’ultimo foglio della ricevuta cartacea fornita dall’operatore comunale al termine della richiesta di rilascio presso lo sportello.

La seconda parte è contenuta nella lettera di accompagnamento presente nella busta con cui il cittadino riceve la CIE.

Per accedere ai servizi on line , oltre ai codici, utilizza uno smartphone con interfaccia NFC o un computer con lettore di smart card contactless. Per la lista aggiornata dei servizi clicca qui

Scarica la App Cie Id se utilizzi uno smartphoneVisualizza guida praticaTutorial on line

Scarica il software Cie se utilizzi un computer con lettore di smart card contactless

ACCESSO CON CNS / TESSERA SANITARIA : Per accedere ai servizi digitali con la Tessera Sanitaria – Carta Nazionale dei Servizi, è necessario:

Orari di apertura dei Cimiteri

Il cimitero del capoluogo e quello di Fasano del Garda sono aperti negli orari sottoindicati.

Orario estivo (dal 1 aprile al 31 ottobre): dalle ore 9.00 alle ore 20.00

Orario invernale (dal 1 novembre al 31 marzo) : dalle ore 9.00 alle ore 17.00

Giorno della Memoria 2021

Sempre con  l’intento di non dimenticare le iniziative già poste in essere negli scorsi anni, relative alla posa di tre “pietre d’inciampo”,  l’Amministrazione Comunale  desidera promuovere anche per il corrente  anno – nonostante le forti limitazioni imposte dall’emergenza sanitaria – una piccola iniziativa legata al “Giorno della Memoria”, con il coinvolgimento delle classi della Scuola Primaria “A. Lozzia” e della Scuola Secondaria di I grado “Papa Giovanni XXIII”.

A ciascuna classe è stato fornito  un “sampietrino” in marmo bianco sul quale  gli studenti – in una sorta di attività laboratoriale coordinata dagli insegnanti – iscriveranno uno slogan o una piccola raffigurazione simbolica  sul tema della Shoah; le opere saranno esposte – a partire dal 31 gennaio p.v.  – in una “vetrina virtuale” sul sito Internet Istituzionale dell’Ente. E’ in fase di studio un ulteriore progetto che potrebbe vedere la posa di queste particolari “pietre d’inciampo” realizzate dagli studenti in un possibile “Giardino della Memoria” creato sul territorio.

“Quando inciampare si fa ‘arte’ ” – mostra virtuale, visualizza il video

Leggi articolo pubblicato su GardaWeek

articolo apparso sul Giornale di Brescia

Visualizza la locandina

Visualizza il pieghevole con tutte le iniziative a livello provinciale sul tema

Una scelta in Comune: esprimi la tua volontà sulla donazione di organi e tessuti

Prosegue a Gardone Riviera il progetto “Una scelta in Comune”, l’iniziativa nazionale che dà la possibilità ai  cittadini maggiorenni di dichiarare, al momento del rinnovo della carta d’identità, la propria volontà di donare organi e tessuti in caso di morte.

Leggi i risultati del progetto pubblicati da GardaWeek

Su sollecitazione dell’Anci   e sull’esempio di  altre amministrazioni, la Giunta comunale sin dal 2014 ha  deciso di attuare la normativa che consente ai Comuni di raccogliere tale “informazione” allo sportello dell’anagrafe in occasione del rinnovo della carta d’identità e di trasmetterla  al Sistema Informativo Trapianti del Ministero della Salute.

 “E’ un’iniziativa molto semplice da attuare – sottolinea   il Sindaco Andrea Cipani – ma molto importante per chi è in attesa, magari da anni, di un trapianto. Donare significa quasi sempre  salvare una vita: chi è in attesa di un organo può contare solo sulla donazione per continuare a vivere. Donare significa anche garantire condizioni di vita migliori a chi è obbligato a terapie lunghe come la dialisi, o permettere di riacquistare la vista a chi l’aveva perduta  attraverso il trapianto di cornea”.

 Le volontà vengono telematicamente trasmesse al Sistema Informativo Trapianti. Nessuna trascrizione sarà effettuata sulla carta d’identità: al cittadino verrà  richiesto di esprimersi sottoscrivendo uno specifico modulo, del quale riceverà  copia  che non deve  accompagnare la carta d’identità.

È possibile dare il proprio consenso e modificare in qualunque momento la volontà espressa. Sottoscrivendo la dichiarazione di volontà positiva, i familiari non possono opporsi; sottoscrivendo la dichiarazione di volontà negativa non c’è prelievo di organi; se non viene espressa una scelta,  il prelievo è consentito solo se i familiari aventi diritto non si oppongono.

         La dichiarazione della volontà di donare gli organi è regolamentata dalla legge n. 91 del 1° aprile 1999 e dal decreto ministeriale dell’8 aprile 2000 che garantiscono assoluta libertà di scelta sulla donazione.

La dichiarazione, oltre che  al momento del rinnovo della carta di identità, può essere presentata con le seguenti modalità:

  • presentando un’apposita dichiarazione presso l’Azienda Sanitaria;
  • iscrivendosi all’Associazione italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule (AIDO);
  • conservando (nel portafogli) una dichiarazione in carta libera completa di tutti i dati personali, datata e sottoscritta;
  • con il “Tesserino Blu” inviato dal Ministero della Salute nel 2000;
  • con le DonoCard delle Associazioni di settore.

È possibile prendere visione della campagna di comunicazione  promossa dal  Ministero della Salute su “donazione e trapianto di organi, tessuti e cellule” sul sito https://www.diamoilmegliodinoi.it/

Questo lo slogan promosso nel materiale informativo “Per salvare una vita non servono superpoteri. Basta una firma”.

Autocertificazione: obbligo anche per i privati accettarla

In data 15 settembre 2020 è entrato definitivamente in vigore il Decreto Legge n. 76/2020, convertito con Legge n. 120/2020 (noto come Decreto Semplificazioni)

L’art. 30-bis di detto decreto introduce una significativa innovazione in materia di autocertificazioni, imponendole non più soltanto nei rapporti tra cittadino e pubbliche amministrazioni o gestori di pubblici servizi, ma anche nei rapporti tra privati, senza alcuna distinzione (esempio Banche, Assicurazioni, Federazioni Sportive etc.)

Infatti, mentre prima dell’entrata in vigore del decreto, le autocertificazioni erano possibili solo verso i privati che vi acconsentivano, com’era previsto dall’art. 2 DPR n. 445/2000, adesso allo stesso art. 2 è stata soppressa la condizione del consenso dei privati destinatari dei documenti, aprendo così ad un obbligo generalizzato di accettare le autocertificazioni

Inoltre, per i privati che intendano effettuare controlli sulle autocertificazioni ricevute, all’art. 71, comma 4 DPR n. 445/2000, è stato abolito l’obbligo di definire appositi accordi con le amministrazioni interessate

In sostanza, con il nuovo Decreto Semplificazioni, CHIUNQUE è tenuto ad accettare le autocertificazioni e ha la facoltà di effettuare controlli sulla veridicità della dichiarazioni sostitutive ricevute